"Be Smart!"

L’imprenditore, il conflitto e la sostenibilità della giustizia consensuale

di Angela Poggi Giuseppe Ossoli

Cosa intendiamo esattamente quando parliamo di GIUSTIZIA? Tutto e niente!
Il termine giustizia è tanto astratto da non poterne tracciare nemmeno i contorni. Vola e si disperde nell’aria come gas. È invisibile. È inafferrabile.
Sì, perché ciò che per me è giusto non è detto che lo sia anche per te.
Se, invece, ci sforziamo di vederlo dal punto di vista di chi la giustizia la chiede, tutto si fa più chiaro. Giustizia è soddisfare un bisogno. Avere giustizia significa cucirsi addosso una soluzione, sceglierla, costruirla, adattarla a sé.

Proprio da qui parte la ragione e la bontà della GIUSTIZIA CONSENSUALE.
È l’incontro tra la mia giustizia e quella dell’altro: è comprendere i bisogni reciproci, armonizzare le esigenze, valorizzare gli interessi dell’uno nel rispetto di quelli dell’altro, potenziare il beneficio di entrambi.

Scarica l'ebook

Il presente lavoro è una sintesi del testo “ I consulenti in ADR: professionisti con una marcia in più”, pubblicato da Eurolink University Press e preparato da Autori vari a cura di Massimiliano Ferrari.
Il testo è suggerito come interessante opera a cui fare riferimento per chi vuole affrontare in maniera dettagliata e tecnica la materia della mediazione, analizzata con cura ed attenzione dall’autore.

Share This